750 grammes
Tutti i nostri blog di cucina Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Aspettando Caracol, resoconto della prima cena gourmet al Cala Moresca con Paolo Barrale !

Martedì 23 febbraio, sull'altura mitica di Capo Miseno, è andata in scena una cena speciale che ha dato il via ad una serie di appuntamenti dal titolo che ammicca al teatro: Aspettando Caracol, il ciclo di cene organizzato dalla rinomata struttura flegrea in collaborazione con la giornalista Laura Gambacorta.

“Caracol” è il ristorante gourmet che in primavera aprirà i battenti all’interno del Cala Moresca andando così a completare la già ricca proposta gastronomica dell’elegante complesso turistico-alberghiero. Il tema scelto per questa prima cena è stato i “Tesori del Regno delle due Sicilie”. A interpretarlo in modo impeccabile: il siciliano Paolo Barrale, chef stellato del Marennà di Sorbo Serpico, e i due resident chef Angelo Carannante ed Enzo Di Giovanni. Non è stata una scelta casuale: sarà proprio Carannante (già secondo al Marennà) a guidare il futuro Caracol con Barrale nelle vesti di consulente. Nessun’altra indiscrezione, per scaramanzia. Barrale, Carannante e Di Giovanni hanno ideato un menu apposito per l’occasione, cercando di unire nei piatti i profumi e le tradizioni di Campania e Sicilia, così come il tema della serata esigeva.

Aperitivo in terrazza con il cuoppo di fritti partenopei e panelle siciliane abbinati al Mata rosé V.S.Q. 2012 Villa Matilde.

Entree: gambero rosso, ricotta di mandorle, mandarino e caviale di basilico, ricavato dai semi di basilico reidratati e poi conditi con colatura di alici. In abbinamento, un’anteprima: Falanghina Roccamonfina IGP 2015 Villa Matilde.

Antipasto, Palamita alla Pizzaiola: il pesce è servito al centro di una cornice di pane croccante, pomodorini e una spuma di mozzarella a finitura. Assomiglia ad una pizzetta, in realtà è un piatto incredibile, equilibrato e di carattere. Nei calici, Terre Cerase rosé IGP Campania 2014 Rocca dei Leoni 100% Aglianico che ha accompagnato il resto delle portate. Nota dolce persistente per il cremoso Risotto con finocchietto selvatico, pinoli, acciughe salate, uvetta e crumble di pane. A seguire, gli Gnocchi di patate in brodo di mare e limone, serviti su crema di cime di rapa. Il secondo piatto, ha unito la spigola alla tradizione siciliana del cous cous. Il gioco dell’intreccio Siculo-campano è particolarmente riuscito nel dessert: una crema delicata al sapore di pastiera napoletana va a farcire un cannolo croccante. In abbinamento, Eleusi Roccamonfina IGP 2008 Villa Matilde, passito di Falanghina. Ospiti della serata sono stati i giornalisti Antonio Gnassi che ha raccontato nel suo intervento miti e leggende dell’area flegrea soprattutto di Miseno, e Tommaso Esposito che ha spiegato quali sono gli elementi che legano le tradizioni gastronomiche campane e sicule. Prossimo appuntamento da definire. State collegati.

Aspettando Caracol, resoconto della prima cena gourmet al Cala Moresca con Paolo Barrale !
Aspettando Caracol, resoconto della prima cena gourmet al Cala Moresca con Paolo Barrale !
Aspettando Caracol, resoconto della prima cena gourmet al Cala Moresca con Paolo Barrale !
Aspettando Caracol, resoconto della prima cena gourmet al Cala Moresca con Paolo Barrale !
Aspettando Caracol, resoconto della prima cena gourmet al Cala Moresca con Paolo Barrale !
Aspettando Caracol, resoconto della prima cena gourmet al Cala Moresca con Paolo Barrale !
Tag(s) : #Eventi, #cene, #degustazioni